Art studio

PERSONALE DI MASSIMO SALVADORI

13 / February / 2016


INAUGURAZIONE

SABATO 13 FEBBRAIO 2016 DALLE ORE 17.00

Sabato 13 Febbraio 2016 a partire dalle H.17 siete tutti invitati presso la nostra sede di Senago, via Piave 3/b, per l'inaugurazione della mostra personale di Massimo Salvadori, alla presenza dell'artista.
L'esposizione comprende oltre 20 opere tra tele di varie dimensioni e inediti progetti su carta che ben rappresentano le ultime ricerche in termini di forme, colori e materiali dell'artista piemontese. Saranno presenti infatti opere realizzate appositamente per questa personale, che prevedono talvolta l’utilizzo di colori cangianti, altre volte l’accostamento di toni pastellati, insoliti rispetto alle cromie accese che hanno caratterizzato sin qui la produzione più riconosciuta di Salvadori.

Come scrive Carlo Pesce in un testo dedicato all’artista, Salvadori “lavora spesso con la sola commistione di due colori, chiudendo il pigmento in spazi geometrici serrati, spazi che si combinano inventando immagini caleidoscopiche in finto movimento. Infatti, ciò che propone l'artista, è una illusione di movimento, una limitata ripetizione di figure che fingono un dinamismo, rimanendo però immobili nella loro ieraticità”.

Salvadori è artista a tutto tondo: appassionato collezionista e musicista, èd è proprio alla luce di questa sua passione che Carlo Pesce legge ed interpreta la sua arte: “Sono opere basate sul ritmo, sulla ripetizione di un riff che tende a ritornare come un giro di note. In fondo, da secoli si ritiene l'armonia, in quanto accordo tra le parti, sia sinonimo di equilibrio, e nulla, al di là della musica, è riuscita a esplicitare questo concetto. Da qui risulta chiaro che una ricerca del genere non può limitarsi alla realizzazione della sola immagine: è una sequenza impostata e determinata, simile, appunto, ad un ritmo musicale che assume determinazioni particolari, come un messaggio luminoso che cambia a seconda del contesto percettivo. Probabilmente, leggendo le opere in questo senso, si giustifica l'opinione per la quale la sua ricerca tende alla perfezione formale e all'utilizzazione ottimale degli strumenti scelti senza imporre, e nemmeno richiedere, una interpretazione o una attribuzione di significato. Ogni opera è fine a se stessa ed è compiuta quando diviene percepibile nei suoi risvolti tecnici e formali; la stessa mancanza di un titolo significativo è indice del fatto che l'autore lascia ogni possibile lettura alla soggettività del fruitore, senza in alcun modo indicare una direzione interpretativa preferita o in qualche misura autentica”

La mostra proseguirà sino al 26 febbraio 2016 con i seguenti orari: dal lunedi al venerdi h.9,30-12,30 e h.14,30-19,30; sabato e domenica h.15,30-19,30.

Classe 1960, Massimo Salvadori vanta già nel suo curriculum espositivo diverse personali e collettive in rinomate gallerie d’arte contemporanea quali Casa d’Arte Via dei Mercati (Vercelli), Globart (Acqui Terme), Anti Gallery (Venezia). Le sue opere vengono presentate in tutte le principali fiere d’arte contemporanea a livello nazionale. Numerosi i testi critici a lui dedicati tra cui i contributi di Giuseppe Antona, Massimiliano Calandrino, Luisa Facelli e Piergiorgio Panelli.