Studio d'Arte

ASTA N.4 - ARTE MODERNA & CONTEMPORANEA

25 / Giugno / 2016


PRESENTAZIONE DELL'ASTA N.4

Prima Sessione 25/06/2016 - Affordable & Young Art - Ore 10.00

Seconda Sessione 25/06/2016 - Arte Moderna & Contemporanea - Ore 14.30

Studio d’Arte Borromeo presenta l’Asta N.4 dedicata all’Arte Moderna e Contemporanea, che come di consueto sarà articolata in due sessioni:
- AFFORDABLE & YOUNG ART – LOTTI 1-200 a partire dalle ore 10,00
- ARTE MODERNA & CONTEMPORANEA – LOTTI 201-452 a partire dalle ore 14,30


L’esposizione dei lotti sarà visionabile nella nostra sede di Senago, via Piave 3/b, a partire da Giovedì 16 Giugno con i seguenti orari:
- LUNEDI-VENERDI H.9,30-12,30 e H.14,30-19,30
- SABATO E DOMENICA H.10,30-19 ORARIO CONTINUATO


La sessione pomeridiana presenta oltre 250 lotti selezionati e suddivisi tematicamente: si inizia con un ricco nucleo di multipli d’autore con interessanti opere di Agostino Bonalumi, Marina Apollonio, Enrico Castellani, Alberto Burri e Lucio Fontana. Jan Schoonoven e Bernard Aubertin, con opere storiche degli anni 70, rappresentano il Gruppo Zero. Si passa quindi alle opere di Carlo Nangeroni, entrambe provenienti dalla Galleria d’Arte Lorenzelli, da cui proviene anche il lotto 227 di Giuliano Barbanti, una rara tela sagomata del 1985. Sul fronte della ricerca optical e cinetica si segnalano importanti lavori di Mario Nigro, Franco Costalonga, Gruppo Enne, Jorrit Tornquist, Guido Baldessari, Sara Campesan, di cui vengono offerte quattro opere realizzate tra gli anni 60 e 70, e ancora Ennio Finzi, Hans-Jorg Glattfelder e Alberto Biasi, presente in catalogo con un raro Politipo prova-prototipo del 1966/1968. Particolarmente interessante l’opera di Marcello Morandini, “Parallelepipedo caduta”, del 1966, che vanta un’importante esposizione presso la Kestner Gesellschaft di Hannover in occasione della personale dell’artista tenutasi nel 1972 e proviene dalla celebre collezione Carl Laszlo di Basilea.
Il catalogo prosegue con opere concettuali di Vincenzo Accame, Erik Dietman, una rara impronta del 1968 di Claudio Parmiggiani, Vettor Pisani, due disegni legati al ciclo “Arte Elementare” di Remo Bianco e ancora due sinopie e una splendida tela onirica e metafisica di Tino Stefanoni.
Si giunge quindi alla sezione dedicata all’arte analitica con opere storiche di Rodolfo Aricò, Marco Gastini, Claudio Olivieri, Giorgio Griffa, Enzo Cacciola, Gianfranco Zappettini, Paolo Masi e Pino Pinelli, di cui proponiamo una rara disseminazione di 6 elementi, di un rosso particolarmente intenso e vibrante.
Numerose anche le proposte nel campo della pittura contemporanea figurativa: segnaliamo tra le altre le opere di Marco Petrus, Guglielmo Aschieri, Gian Marco Montesano, Vanni Cuoghi, Dany Vescovi e Jonathan Guaitamacchi.
Al centro di una forte riscoperta critica e commerciale tutta la scuola della Pop Art romana di cui segnaliamo le opere di Mario Ceroli, Gino Marotta, Giosetta Fioroni, in questi giorni protagonista di una retrospettiva al Museo Marca di Catanzaro e ancora Mario Schifano, Tano Festa, Cesare Tacchi e Franco Angeli, presente in catalogo con alcuni lavori sceltissimi tra cui 4 carte proveniente dalla Collezione della Contessa Giuliana Donà delle Rose e uno splendido Half Dollar della metà degli anni 70.
Meritano particolare attenzione le opere di Giovanni Asdrubali, artista a cui dedichiamo la copertina di questo nuovo catalogo, in particolare per i lotti 346 e 347, risalenti alla fine degli anni 80 e provenienti dalla Galleria d’Arte Artra di Milano che ha ospitato diverse volte i lavori di questo Artista.
In catalogo anche una piccola sezione di fotografia tra cui spiccano uno splendido trittico di Alberto Garutti e ben quattro opere di Michele Zaza, tre delle quali realizzate negli anni ’70 e accomunate da una base d’asta particolarmente invitante.
La Poesia Visiva, dopo i buoni risultati ottenuti nel corso dell’Asta n.2, è nuovamente presente in catalogo con opere di Stelio Maria Martini, Michele Perfetti, Ugo Carrega, Martino Oberto e Plinio Mesciulam.
Un gruppo di opere particolarmente selezionato dal punto di vista qualitativo è rappresentato dai lavori di Roberto Crippa e Gianni Dova: due grandi artisti del 900 attualmente trascurati dal mercato. Si tratta di lavori di rara qualità e provenienti da importanti collezioni private milanesi
Da segnalare infine interessanti lavori di Enrico della Torre, Giorgio Bellandi, Cesare Peverelli, Giancarlo Cazzaniga, Pierluigi Lavagnino e Ideo Pantaleoni.
La tornata d’asta si avvia alla conclusione tornando sulla scena romana con quattro splendidi lavori di artisti legati al Gruppo Forma 1 tra i quali ricordiamo la bella tempera bianca e nera di Carla Accardi del 1954, l’imponente tela con un ricchissimo curriculum espositivo di Antonio Sanfilippo e un raro dittico dei primi anni 60 di Giulio Turcato e ancora con lavori di artisti legati alla Scuola di San Lorenzo e in modo particolare Nunzio, Bruno Ceccobelli e Arcangelo.